Giacomo Stroffolini

Giacomo Stroffolini nacque a Casapulla il 16 aprile 1830 da Don Tommaso, medico, e Donna Teodora Natale. Il padre era originario di Forchia, mentre la madre era di antica famiglia casapullese, i Natale del ramo di Marco Aurelio. Il suo nome completo era Giacomo Giuseppe Pasquale Alfonso. La lapide con busto, posta sul muro esterno della sua casa natale, lo descrive in tal modo: “letterato, filosofo, storico, esempio di operosità intellettuale e patriottica educò più generazioni al vero sapere a all’amor di patria”. Tale lapide fu apposta il 20 agosto 1899 in occasione del centenario della morte del Vescovo Michele Natale. Tra le sue opere, vale la pena di ricordare “Frammenti di due ideali campani” del 1879 e “La Contea di Capua” del 1885. La prima è un saggio su un suo discorso sulla Mostra didattica campana e gli valse una medaglia d’oro. Nell’opera è presente il tema del multiculturalismo dei popoli, sul quale lo Stroffolini dimostrò di avere una singolare apertura mentale, considerando la pluralità e diversità razziale come valore aggiunto da un punto di vista sociale, culturale e antropologico. La seconda è una corposa opera storica in due volumi, grazie alla quale ottenne la cittadinanza onoraria della Città di Capua. Essa tratta vari temi della storia civile e religiosa di tale città e della sua Contea. Il Prof. Giacomo Stroffolini morì a Casapulla il 22 marzo 1891 alle ore 5:15 del mattino, un mese prima di compiere 61 anni. L’Istituto Comprensivo Autonomo Statale del paese e la strada nella quale è nato portano il suo nome.

Related posts

Leave a Comment